Riconoscimenti:

 

Membership:

KAPAP LOTAR

KAPAP LOTAR NAPOLI

KAPAP NAPOLI

MMA NAPOLI

ANTIAGRESSIONE FEMMINILE NAPOLI

DIFESA PERSONALE FEMMINILE NAPOLI





TECNICHE OPERATIVE DI POLIZIA

TECNICHE OPERATIVE MILITARI

SECURITY NAPOLI

CORSI DI SOPRAVVIVENZA

SOFTAIR NAPOLI

 

 

Link:

 

 

Annunci

 

 

Registrati / Login

KAPAP LOTAR

 


Il Kapap Lotar è riconsociuto tra le discipline ufficiali dell'ASI, Ente di Promozione Sportiva del CONI,

Lettera di riconoscimento disciplina e conferimento incarico.

KAPAP: Krav Panim el Panim (Combattimento Faccia a Faccia)
LOTAR: Antiterrorismo

Il Kapap Lotar è il sistema di combattimento ufficiale delle Forze Speciali Israeliane; è considerato dagli esperti del settore il più completo ed efficace sistema di combattimento; è composto da una combinazione di parecchi stili di lotta quali: boxe, kick boxing, muay thai, judo, ju jitsu, bjj, kyusho, silat, kali, krav maga, addestramento militare britannico del coltello e del bastone; uniti alle tecniche e tattiche operative militari e di polizia, tiro operativo israeliano, CQB (Close Quarter Battle, combattimento in ambienti chiusi), contro-terrorismo, sopravvivenza e medicina basica tattica. Si concentra soprattutto sul combattimento a mani nude contro ciascuna di queste armi e nello specifico anche dello studio approfondito delle stesse.
Il Kapap Lotar si adatta perfettamente ad ogni tipo di combattimento che nella sua ”aciclicità" e "situazionalità” permette al combattente di sormontare qualunque genere di avversità e lo prepara a quasi tutte la situazioni e scenari possibili.
Il Kapap Lotar non è né uno sport né vi è contemplato l’agonismo; non è nemmeno un’arte marziale.
Il Kapap Lotar è uno metodo completo per intendere la difesa personale.
Il guerriero di Kapap Lotar è una macchina da combattimento veloce, precisa e mortale.
Il Kapap Lotar è un sistema di apprendimento rapido perché basato sugli istinti umani.. le tecniche seguono quelli che sono i naturali istinti e reazioni automatiche in situazioni di forte stress; si adatta per questo a tutti: bambini, adolescenti, adulti, e nella completezza dei suoi programmi è la preparazione per eccellenza di poliziotti, soldati, security man e bodyguards.
Ogni gruppo deve seguire e acquistare padronanza di un programma specifico.
Chi impara il Kapap Lotar non è un combattente (combattente competitivo); è letteralmente un guerriero (uomo della guerra).
E’ preparato per tutte le situazioni e contro qualunque genere di arma. Saprà difendere se e chi gli sta accanto in qualsiasi circostanza, saprà anche riconoscere e usare qualunque tipo di arma da fuoco con un’abilità fuori dal comune.
Il Kapap Lotar ha cominciato ad essere divulgato fuori da israele nel 1999, con cura e diviso in programmi ben specifici.
Ciò è accaduto perché ormai le arti marziali tradizionali insegnavano e insegnano solo ed esclusivamente la “via della competizione” e la difesa personale era solo un surrogato dei kata. Il Kapap Lotar è ritornato alla luce dopo le terribili ed elevate esigenze odierne di sicurezza, una reale self defence. Gli istruttori di Kapap Lotar in israele oggi addestrano l’I.D.F. (Israel Defense Forces), lo Yamam e Shabak, praticamente i primi reparti operativi.

 

 

Approfondimenti sulla disciplina:

 

LA DISCIPLINA

KAPAP LOTAR:
KAPAP - Krav Panim el Panim (Combattimento Faccia a Faccia)
LOTAR - Antiterrorismo

Cos’è?

Metodo di difesa personale che prevede l’insegnamento di tecniche basate sui principi biomeccanici del corpo umano e che rispondano a quelli che sono gli istinti naturali dell’uomo; tecniche semplici, realistiche ma soprattutto efficaci. Dopo un breve tempo di apprendimento il praticante acquisisce subito le tecniche basilari per potersi difendere da un aggressore, che sia armato oppure no, con movimenti del corpo repentini talvolta anche banali ma indispensabili a sventare un attacco reale. Il Kapap Lotar consolida quelle che sono le reazioni naturali, istintive dell’uomo, dunque il programma basilare viene assimilato velocemente. L’autostima aumenta man mano che si aggiungono tecniche difensive al bagaglio dei praticanti, che avranno più fiducia e positività.
Durante una situazione di pericolo reale subentrano diversi fattori come ad esempio la paura, l’aumento del battito cardiaco, la difficoltà di respirazione, la sensazione di debolezza, visione a tunnel che potrebbero impedire o rallentare la fase di reazione. Ecco perché il Kapap Lotar prevede tutta una serie di condizionamenti fisici e soprattutto mentali, che simulano le situazioni reali di pericolo ricreando gli stessi scenari e gli stessi scompensi fisici e mentali. Si dovrà quindi allenare e abituare la mente a reagire sotto stress nel più breve tempo possibile e con determinazione, sviluppando oltretutto la capacità di gestione dell’imprevedibilità degli eventi. Fondamentale è il fattore prevenzione, capire e analizzare situazioni di pericolo in modo da evitarle; obiettivo principale è infatti evitare lo scontro e, solo quando ciò non è possibile, difendersi.
Viene data grande importanza ai “confini personali” e al linguaggio del corpo; si allena il colpo d’occhio, il riflesso istintivo e la visione periferica. L’allievo imparerà quindi a sviluppare una mentalità difensiva che porterà con sé per tutto il resto della vita.
Il Kapap Lotar in aggiunta si compone di settori riservati esclusivamente alle Forze Armate e dell’Ordine; si aggiungono Tecniche e Tattiche Operative di Polizia, CQB (combattimento in ambienti chiusi), Antiterrorismo, Sopravvivenza, Medicina Basica Tattica.

A chi è rivolto?
Il Kapap Lotar quindi è insegnato in due versioni: una civile per la difesa da strada, e un’altra militare e di polizia. Il Kapap Lotar si adatta perfettamente a ogni tipo di combattimento che nella sua “aciclicità” e “situazionalità” permette di sormontare qualunque genere di avversità e lo prepara a quasi tutte le situazioni e scenari possibili.

In ambito civile:
Il Kapap Lotar in ambito civile assicura principalmente un aumento della sicurezza interiore e, addirittura molto spesso, anche a uno sviluppo totale dell’autostima; sentirsi tranquilli e sicuri è una condizione indispensabile dei nostri tempi. La ”libertà” è un diritto sancito addirittura nella Costituzione ma, molto spesso, nella nostra quotidianità, la libertà non è sempre garantita.

Per le donne:
Il Kapap Lotar è adatto in particolare alle donne permettendo di conoscere meglio se stesse, il proprio corpo e a essere protagoniste di ciò che accade loro intorno, a percepire quando il pericolo è reale e a scegliere le opzioni possibili: fuga, lotta, richiesta d’aiuto; soprattutto in situazioni di forte stress emotivo. La componente etica prevede l'uso della difesa fisica come ultima ed estrema possibilità, solo quando si è valutato che non c'è altra soluzione possibile, senza cedere alle provocazioni. Quello che viene insegnato alle partecipanti è l'uso di una difesa non portata a caso e in modo confusionale, ma una risposta automatica che tenga conto di una rapida analisi del contesto e si concretizza attraverso poche e semplici tecniche portate ai punti sensibili dell’aggressore. Il Kapap Lotar vuole dare un forte e valido contributo per restituire alla donna la capacità di sentirsi protetta e sicura, realizzando un apposito settore dell'autodifesa dedicata unicamente alle donne.

In ambito militare e di polizia:
Il Kapap Lotar in ambito militare e di polizia vuole suggerire il giusto atteggiamento mentale che possa consentire agli operatori di Polizia, Militari e di Sicurezza Privata di superare le situazioni di emergenza con il minor danno possibile per sé e per l’aggressore. Ciò, in considerazione del fatto che l’aggredito dovrà graduare l’intensità della reazione in rapporto a quella dell’aggressione, nel pieno rispetto delle leggi vigenti, ma anche delle fondamentali regole morali e deontologiche.
I praticanti saranno preparati per tutte le situazioni e contro qualunque genere di arma; sapranno difendere se e chi gli sta accanto in qualsiasi circostanza, sapranno anche riconoscere e usare qualunque tipo di arma da fuoco con’abilità fuori dal comune.
Il Kapap Lotar si contraddistingue per il metodo di addestramento, che vuole simulare contesti operativi il più possibile simili alla realtà, valutando tutte le possibili reazioni, imprevisti, stress fisico e psicologico, in modo da essere pronti e reattivi a ogni situazione, anche la più estrema. E' particolarmente adatto per chi deve prendere decisioni importanti in poco tempo. L'obiettivo è dare gli strumenti che permettano di controllare al meglio situazioni complesse alle quali saranno confrontati nell'esercizio delle loro funzioni, tutto questo in ambienti dove è richiesta un’ottima capacità di analisi del contesto operativo (Ambiente, Soggetti, Pericoli) e dove il fattore tempo è fondamentale.

La storia:
Il Kapap Lotar ha cominciato a essere divulgato fuori da Israele nel 1999, con cura e diviso in programmi ben specifici. Ciò è accaduto perché ormai le arti marziali tradizionali insegnavano e insegnano solo ed esclusivamente la “via dalla competizione” e la difesa personale era solo un surrogato dei kata. Il Kapap Lotar è ritornato alla luce dopo le terribili ed elevate esigenze di sicurezza, una reale self defence. Gli istruttori di Kapap Lotar in Israele oggi addestrano l’ I.D.F. (Israel Defense Forces), lo Yaman e Shabak, praticamente i primi reparti operativi.
Le tecniche del Kapap Lotar, per anni sono rimaste segrete e riservate ai soli militari delle Forze di Difesa Israeliana (IDF), sono concepite, sviluppate e finalizzate alla sopravvivenza.
Concepito precedentemente al Krav Maga a cui tuttavia deve molti dei suoi sviluppi, il Kapap Lotar pur condividendo con il Krav Maga il principio che: nessuno è autorizzato a infierire in maniera violenta senza incorrere in reazioni, si differenzia dallo stesso per ambiti di applicazione civile o militare.
Le tecniche del Kapap Lotar come quelle del Krav Maga, come le conosciamo oggi, sono il risultato di un continuo processo di sperimentazioni, adattamenti e correzioni effettuate in situazioni reali e testate sul campo.
Il Kapap Lotar non era solo un sistema, ma una miscela di rigorosi condizionamenti fisici, addestramento con armi, addestramento alla sopravvivenza, pronto soccorso avanzato e difesa personale. L’addestramento al combattimento a mani nude era una combinazione dei sistemi occidentali di combattimento come la boxe, la lotta greco-romana e l’addestramento militare britannico del coltello e del bastone. Il sistema includeva una varietà di tecniche militari di combattimento corpo a corpo con il nemico/aggressore disarmato o armato di pistole, fucili, mitra coltelli, bastoni e ogni altro genere di armi portatili.

 

 

 

   
 
 

Home | Privacy | Condizioni di utilizzo
Copyright © 2011-2016 WKLF ITALIA - Tutti i diritti riservati.

Contatori visite gratuiti